sabato 19 gennaio 2008

L'ORO E' MADE IN CHINA


La Cina è ora anche il maggiore produttore mondiale di oro.

Questo almeno secondo i risultati del Gold Survey 2007 pubblicato dalla società specializzata in consulenza e ricerca sull’oro, Gfms, (e qui disponibile in PDF) che conferma le aspettative dei mercati nei riguardi della Cina come maggiore competitor ai danni del Sudafrica per quanto riguarda l'estrazione mineraria.


La Cina, oltre che grande consumatore, è dunque ora tra i maggiori produttori mondiali del prezioso metallo.

Secondo il gruppo di ricerca di Gfms il sorpasso della Cina ai danni del Sudafrica è dovuto alle grandi disponibilità tuttora inesplorate possedute dal territorio cinese. Di contro i giacimenti sudafricani si fanno sempre più difficili, e quindi costosi, da raggiungere e sfruttare.

Questo fa pensare che il primato della Cina nella produzione di oro sarà destinato ad aumentare ulteriormente nei prossimi anni.
Nel 2007 il gigante asiatico ha estratto dal sottosuolo 276 tonnellate metriche di oro, pari a quasi 10 milioni di once, con un incremento del 12% rispetto al 2006. Scalzato dal primo posto il Sudafrica, che deteneva la produzione sin dal 1905 e che ha prodotto lo scorso anno 272 tonnellate metriche del prezioso materiale, l’8% in meno rispetto al 2006.

La produzione è cresciuta anche in Indonesia mentre è calata in Sudafrica, Perù e Stati Uniti per un bilancio che a livello globale ha visto un calo dell’1%.

Per il 2008, secondo le previsioni del Gold Survey, la produzione globale dovrebbe crescere del 2% mentre i prezzi dell’oro potrebbero arrivare a toccare i 1.000 dollari l’oncia, sebbene solo dopo una prima fase di ritracciamento che ha portato a una stima media per i primi sei mesi di 840 dollari l’oncia con discese fino a quota 800 dollari.


Nessun commento: