mercoledì 8 ottobre 2008

IDC ORGANIZZA L'EUROPEAN IT BANKING FORUM 2008

.


Il precipitare della crisi finanziaria negli Stati Uniti sta sconvolgendo il sistema economico internazionale e nessuno in Europa sarà immune da conseguenze ancora imprevedibili – a cominciare dalle Banche, gli operatori del settore, i loro clienti, le autorità di vigilanza e i Governi.

Forse affrettatamente, sono già state emesse alcune “sentenze”: la rivincita delle banche commerciali e del modello di banca universale, la scomparsa delle investment bank, la finanza strutturata come “veleno”, il management delle banche orientato solo al profitto di breve termine, le banche globali come sinonimo di maggiori rischi, la necessità di nuove regole e di autorità di vigilanza globali come watchdog della stabilità del sistema e così via.

L’acceso dibattito in corso non ha ancora affrontato quali aspetti strutturali dell’industria bancaria anche in Italia possano o debbano essere ripensati:

  • Quali sono i possibili modelli di business e di funzionamento delle banche per il futuro? Quale ripercussione avrà la nuova ondata di merge & acquisition, innescata dalla crisi nella riconfigurazione degli attori in campo?
  • Come cambierà il rapporto delle istituzioni bancarie con i clienti e gli altri stakeholder esterni in un sistema più regolamentato?
  • Come cambieranno i processi di integrazione interbancari quali il credito, il provisioning e la gestione della liquidità per garantire più trasparenza e maggiore tracciabilità del rischio su prodotti di finanza innovativa?
  • L’arretratezza delle architetture ICT ancora troppo poco standardizzate e con poca interoperabilà può considerarsi una delle possibili cause di questa crisi finanziaria? E come l’ICT può essere una soluzione piuttosto che un vincolo per il futuro?

Le banche italiane devono alzare la soglia di attenzione alle performance nel servire clienti sempre più disorientati, nel creare nuovi prodotti in modo flessibile e veloce in un contesto di incertezza. L’IDC ICT Banking Forum si propone come la sede più autorevole per confrontarsi, tra professionisti dell’ICT e manager del mondo finanziario, su queste tematiche e definire insieme un piano concreto di azione.

Target
Banche, istituti assicurativi e finanziari:

  • CIO
  • Manager e funzionari
  • Consulenti / influencer

Nessun commento: